Premiazioni 2019

13/07/2019

In occasione dell’anniversario della nascita di Hazel Marie Cole alla quale si intitola la Fondazione si concludono le selezioni per la scelta dei vincitori della prima linea di provvidenze a favore dei bambini che si sono distinti per atti di bontà nell’ambito della scuola elementare e media inferiore.
Il Premio alla Bontà Hazel Marie Cole quest’anno compie vent’anni avendo registrato negli anni un continuo interesse e successo che si è allargato anche fuori Trieste. La consigliera Adriana Marini, in occasione dei vent’anni, ha pubblicato il volume su Hazel Marie Cole (una copia del volume è a disposizione di chi ne farà richiesta sul sito www.premiobonta.it).
La Fondazione, istituita nel 1999 dalla Famiglia Pianciamore, ha già assegnato prima della odierna premiazione 373 premi suddivisi in tre linee di provvidenze.
La prima linea premia atti di Bontà nell’ambito della scuola elementare e media, la seconda fornisce “pocket money” a ragazzi provenienti da paesi disagiati vincitori di borsa di studio per il Collegio del Mondo Unito di Duino, la terza linea premia chi aiuta i non autosufficienti.
Del totale dei premiati, alla fine dello scorso anno 173 sono italiani e 200 stranieri.
Come consuetudine il 13 luglio di ogni anno vengono assegnati i premi ai ragazzi della prima linea (scuole elementari e medie inferiori di tutta Italia) segnalati da Insegnanti, Direttori Didattici e Famiglie.
Quest’anno è stato registrato un record di segnalazioni e, nonostante la situazione economica la Fondazione ha desiderato mantenere l’ammontare dello scorso anno. Si è cercato pertanto di gratificare anche quest’anno quanti più candidati possibile allargando alle classi la solidarietà del Premio alla Bontà voluto dai Fondatori.
Ai primi cinque alunni che rientrano nel budget di quest’anno, verrà riconosciuto cumulativamente l’importo di 5000 Euro, mentre a una classe, una scuola ed a un alunno saranno consegnati attestati per un formale riconoscimento dei meriti per gli atti di bontà collegiali. Poichè i premiati della prima linea sono minorenni e non possono ricevere libretti a risparmio, verrà loro consegnato tra le altre cose, una “polizza vita” che garantirà loro un importo che produrrà reddito con scadenza al loro 18esimo anno di età.

I premiati della prima linea di quest’anno sono:

– Aprea Karoline, Primo Circolo didattico di Quagliano (NA)
“lotta per proteggere coloro che sono in difficoltà. Si è dedicata in particolare ad un compagno aiutandolo ad integrasi nella vita scolastica”.

– Belmonte Marcel, IV IC Giovanni Aurispa, Noto (SR)
“si è distinto per bontà e altruismo nei confronti di un compagno straniero che, grazie a lui, si è integrato a scuola e nella società”.

– Cassino Antonella, IC “G.Racioppo”, Moliterno (PZ)
“si è distinta per il quotidiano e amorevole impegno nel guidare e nel sostenere un compagno di classe non vedente”.

– Coletti Vittoria, IC De Amicis – da Vinci Caserta (CA)
“si prodiga per chi è in difficoltà. Assiste con gioia e abnegazione, spesso sostituendo la mamma, il fratellino affetto da grave patologia”.

– Entony Pasquarella, IC. Sant’Agata de Goti (BN)
“con la sua presenza, con le emozioni espresse dai suoi sorrisi, è stato una ricchezza che ha permesso ai compagni di esercitare tolleranza, altruismo, generosità e bontà nel donarsi all’altro”.

– Patanè Davide, Liceo Verga di Adrano (CT)
“si prende cura di un suo compagno di classe affetto da grave ritardo mentale e motorio”.

– Classe 1aTUR/A, IC Colamonico – N.Chiarulli (BA)
“La classe si è distinta per aver svolto spontaneamente un’azione inclusiva di grande valore verso un compagno di classe disabile”.

– Tutti gli alunni dell’IC Pontecorvo (FR)
“si impegnano nella diffusione della solidarietà, dell’inclusione, del rispetto della diversità dei più deboli e degli anziani”.